LA SUA COMPAGNIA

Poco più che ventenne crea, in Francia, la propria compagnia rivelando, già dall’opera di esordio, le caratteristiche del suo linguaggio : una danza limpida nelle geometrie spaziali e musicali, ma allo stesso tempo diretta e forte, asciutta e di efficace impatto drammatico, attuale ma radicata nella memoria; l’avanguardia dell’antico folklore, come la critica di danza Vittoria Ottolenghi l’ha definita.

Negli anni, poi, il suo lavoro coreografico si è sempre più concentrato sulla relazione linguistica tra suono e movimento e su una visione antropologica del corpo. La sua scrittura scenica, essenziale e fortemente evocativa, coniuga spontaneità e ritualità, individualità e coralità. Nei suoi spettacoli, il suono/movimento si fa strumento di una ricerca gestuale espressiva e, in tal senso, poetica e teatrale. Questo cammino trova il suo punto di svolta nel Progetto Catartico, frutto di studi e riflessioni intorno a materiali etnografici; da qui prende corpo la sua visione antropologica del movimento e scaturiscono nuove indagini.

L’esigenza di un lavoro vivo con la musica ha dato spazio a collaborazioni importanti con
compositori quali: Michael Nyman, Giovanna Marini, Massimo Coen, Daniel Bacalov, Giovanni Bacalov, Francesco De Melis…

Per la stessa ragione musicisti quali Alexander Balanescu, Coen e Bacalov hanno suonato dal vivo
nei suoi spettacoli.

1985 – 1991   Dalla Nascita al Centro di Produzione Polverigi

1991 – 1996  FONDAZIONE DI MARTA

1997 – 1999     TEATRIDITHALIA/DANZA

1999 – 2002   Anni Sabatici della compagnia

2002 – 2012 NASCITA DI ALMATANZ

2015 – 2016 COMPAGNIA ADRIANA BORRIELLO